Portoni basculanti: guida all'acquisto

Pubblicato il da Ele

La scelta delle porte basculanti è sempre molto difficili in quanto deve soddisfare l'estetica visto che devono essere piacevoli alla vista ma soprattutto devono essere resistenti per la sicurezza di eventuali vandalismi per rubare l'automobile depositata nel box.

Tipologie

Le due grandi tipologie di porte basculanti che possiamo trovare sul mercato sono:

  • con contrappeso, cioè con apertura dal basso verso l'alto in cui ci sono dei pesi posti sul lato della porta stessa che scendono al momento dell'apertura. Con questo tipo di basculante è possibile installare anche una porta pedonale con serratura blindata.

Questa tipologia è realizzata in lamiera e di varie tipologie di colori e generalmente viene scelta soprattutto per i grandi complessi residenziali in quanto sono le più economiche sul mercato e le più classiche.

  • a sezione, sempre con apertura dal basso verso l'alto ma con la presenza di due binari che fungono da guida senza far sporgere la porta.

Quest'ultimo medello è molto diffusa per la realizzazione di autorimesse in America ed è molto bella per coprire aperture di modeste dimensioni con un'unica basculante.

Le differenza e le marche

La differenza sostanziale tra i due modelli è la diversità del costo in quanto la seconda è molto meno economica rispetto la prima.

Un altro metodo per capire di fare la scelta giusta è giudicare il luogo in cui andrà installata, infatti per un'abitazione singola tipo una villetta unifamiliare inserita in un contesto raffinato sarebbe opportuno scegliere una basculante a sezione, mentre per la realizzazione di garage per condomini o di abitazioni ubicate in zone di antica formazione dovremo installare porte con contrappeso zincate facendo bene attenzione al colore da scegliere.

Una delle grandi marche nel settore delle porte basculanti è la ballan che realizzano tutte e due le tipologie che potrete prima vedere grazie al loro sito internet molto ben curato e aggiornato e solo dopo potrete mettervi in contatto con la ditta stessa (telefonicamente o tramite e-mail) per poi farvi fare un preventivo per la realizzazione della basculante in base alle dimensioni che vi occorre.

Qualunque sia il modello che scegliate dovrete far bene attenzione che la basculante abbia delle feritoie per poter far circolare l'aria all'interno del locale autorimessa, ormai obbligatorie per legge.

basculante

Commenta il post